Text Size
23 ago, 2017
Benvenuto al Liceo Medardo Rosso
CHI SIAMO

LAS-0099_BSmallL'attuale Liceo Artistico trae le proprie origini dallo spirito di iniziativa di un gruppo di persone, insegnanti, genitori, liberi professionisti, uomini politici, appassionati d'arte che condivisero, agli inizi degli anni '80(anno scol.1982/83), il progetto per l'apertura di una scuola il cui indirizzo di studi, a Lecco, mancava completamente. 
Sino ad allora chi voleva coltivare i propri studi in ambito artistico doveva raggiungere Bergamo o Milano, volendo citare le citta' piu' vicine.Venne costituita la cooperativa denominata "Famiglia, scuola, arte", che operò in stretta collaborazione con la Giunta Comunale di allora nella gestione della scuola.In un lasso di tempo pari a due anni, il Liceo Artistico di Lecco riuscì a diventare scuola pubblica, prese il nome di Liceo Artistico Statale e gli vennero assegnati alcuni spazi, di proprietà comunale, in via Sassi.Si trattava dei locali che precedentemente avevano ospitato la scuola media inferiore "Leonardo da Vinci", trasferita altrove, per effetto di un piano di riordino delle varie sedi scolastiche cittadine.Nonostante la sede assegnata non fosse certo idonea ad accogliere una scuola dalle molteplici esigenze e specificità come il Liceo Artistico le diverse componenti scolastiche si impegnarono con entusiasmo e vitalità in momenti di confronto e di dibattito sui temi dell'istruzione artistica, rapportandosi molto spesso con altri Licei Artistici ed Istituti d'Arte, partecipando a mostre e convegni, realizzando heppening in città su temi d'interesse collettivo.L'impegno di tutti fu quello di dare a questa nuova realtà scolastica un'identità precisa ed un ruolo attivo sul territorio. Si comincià con l'introduzione, nelle diverse aree disciplinari, di varie attività di ricerca, sperimentazione, approfondimento, sulle tematiche che contraddistinguevano la comunicazione visiva; in pochi anni vennero impiantati un laboratorio di fotografia ed un laboratorio di calcografia e si attrezzarono alcune aule con arredi che potessero favorire la realizzazione di determinati elaborati grafici, pittorici, plastici.Dalle due classi iniziali si giunse, nell'arco di otto anni, a sei classi prime e quattro corsi completi; oltre alla sede di via Sassi il Liceo Artistico dovette occupare parte del piano terra della scuola media Tommaso Grossi, in via Ghislanzoni.Nei primi anni '90 il vecchio edificio in via Sassi venne parzialmente demolito, in quanto ormai fatiscente, per dare spazio a nuove edificazioni, nessuna delle quali era stata congeniata per costituire una sede scolastica.Il Liceo Artistico fu allora trasferito in via Achille Grandi, presso la scuola media inferiore Antonio Stoppani, lontano da via Ghislanzoni, dove erano rimaste alcune classi. Il Liceo risenti' fortemente dei disagi causati dalla dislocazione su due sedi dove, oltretutto,le aule erano troppo piccole e studiate per esigenze didattiche assolutamente diverse. Le domande di iscrizione si mantennero comunque numerose e proprio in quel periodo si apri' la discussione sull'opportunita' di dare avvio a nuovi corsi, della durata di cinque anni, che avrebbero visto l'introduzione nel piano di studi di materie come inglese, filosofia, diritto. Scegliere di aderire a progetti di sperimentazione non fu cosa facile, per la nostra scuola, poiche' se da una parte si comprendeva la necessita' di un adeguamento alla struttura degli altri istituti superiori, dall'altra era chiaro che il monte ore delle discipline artistiche sarebbe notevolmente diminuito e questo avrebbe in qualche modo condizionato l'apprendimento di quei contenuti che costituivano la specificita' del Liceo Artistico. Nell'anno scolastico 1994/95 il Liceo aderi', su autorizzazione dell'Ispettorato per l'Istruzione Artistica, al progetto sperimentale "Leonardo 2" e vennero attivati due indirizzi: Grafico visivo e Figurativo. Il numero degli iscritti, sempre piu' elevato, impose il reperimento di una nuova sede e dopo numerose vicende, che videro coinvolte sia la Provincia che il Comune di Lecco, oltre alle varie forze politiche, il Liceo venne ospitato nell'edificio scolastico di via Calatafimi 5, dove si trova tuttora, in coabitazione con una sezione staccata della scuola media "Don Ticozzi".
Nel 1997, con decreto al Provveditore agli studi di Como, il Liceo venne intitolato all'artista Medardo Rosso, su proposta del Collegio Docenti, che diede le seguenti motivazioni: "Si ritiene che lo spirito di continua ricerca e sperimentazione che ha contraddistinto l'opera di Medardo Rosso possa essere rappresentativo degli intenti e dei presupposti critici che supportano l'attivita' didattica del nostro Liceo".
L'istituzione di nuovi corsi e la volonta' di aggiornare i programmi di studio, in considerazione anche dei profondi mutamenti che hanno riguardato il linguaggio visuale e i processi della comunicazione visiva in generale, hanno indotto il corpo docente a modificare alcuni percorsi formativi e a sollecitare l'acquisto di nuove attrezzature, in particolare informatiche.Attualmente il Liceo Artistico Statale di Lecco "Medardo Rosso", puo' vantare il possesso di un laboratorio di graphic computer su piattaforma Mac os, di un laboratorio informatico AutoCad, di un laboratorio multimediale PC.Giunto al ventisettesimo anno dalla sua istituzione, il Liceo conta ormai circa seicento iscritti, mantiene attivo il suo ruolo sul territorio, collaborando nella realizzazione di numerose iniziative sui temi dell'arte e della comunicazione visiva.

Corsi di studio

arti figurative

1artifig1

grafica

2grafica1

architettura e ambiente

3architettura1

scenografia

4scenografia1

audiovisivo e mult.le

5audiovideo1

design

6design